E intanto l’Ucraina all’ONU vota contro Israele (e con la Russia)

L’ambasciatore di Israele in Ucraina ha denunciato venerdì il sostegno di Kiev a una risoluzione di un comitato delle Nazioni Unite che chiede alla Corte internazionale di giustizia di intervenire “urgentemente” sul conflitto israelo-palestinese e sulla “annessione” di Israele.

L’Ucraina è stata uno dei 98 Paesi che hanno votato a favore della risoluzione durante la riunione del quarto comitato dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Diciassette nazioni si sono opposte alla misura e 52 si sono astenute. Il comitato, chiamato anche comitato speciale politico e di decolonizzazione, è uno dei sei comitati principali dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

La risoluzione, intitolata “Pratiche e attività di insediamento israeliane che incidono sui diritti del popolo palestinese e degli altri arabi dei territori occupati”, chiede che la Corte internazionale di giustizia dell’Aia “esprima urgentemente un parere consultivo” sulla “prolungata occupazione, insediamento e annessione del territorio palestinese da parte di Israele” e sembra ignorare i legami ebraici con il Monte del Tempio, il sito più sacro dell’ebraismo.

L’inviato israeliano Michael Brodsky si è rivolto a Twitter per esprimere le sue critiche all’Ucraina, affermando che il suo “sostegno alla risoluzione ONU ‘Pratiche israeliane’, che nega i legami ebraici con il Monte del Tempio e che chiede un parere consultivo della Corte internazionale di giustizia è estremamente deludente”.

“Sostenere iniziative anti-israeliane alle Nazioni Unite non aiuta a costruire la fiducia tra Israele e Ucraina”, ha dichiarato l’ambasciatore.

L’Ucraina ha ripetutamente richiesto aiuti ed equipaggiamenti militari a Israele per contrastare l’assalto russo al Paese dalla fine di febbraio. Pur fornendo assistenza umanitaria all’Ucraina, Israele ha mantenuto una politica rigorosa di non fornire aiuti militari, compresi i sistemi che potrebbero aiutarla a intercettare gli attacchi missilistici e dei droni russi.

Il motivo alla base della decisione sembra essere la necessità strategica di Israele di mantenere la libertà operativa in Siria, come parte dei suoi sforzi per prevenire il radicamento iraniano alle sue porte. A tal fine, Israele collabora con l’esercito russo, che controlla in larga misura lo spazio aereo siriano. I funzionari israeliani hanno anche espresso il timore che la tecnologia militare avanzata possa cadere nelle mani del nemico e hanno citato i limiti di produzione e di fornitura.

All’inizio del mese, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato che con il coinvolgimento dell’Iran nella guerra, in quanto fornitore chiave di droni letali per la Russia, sperava che Israele cambiasse la sua posizione.

La risoluzione approvata venerdì dal comitato delle Nazioni Unite passerà ora all’Assemblea generale plenaria per l’approvazione ufficiale, probabilmente il mese prossimo.

La risoluzione, una delle tante incentrate sul conflitto durante la sessione, chiede un’indagine sulle misure israeliane “volte ad alterare la composizione demografica, il carattere e lo status della Città Santa di Gerusalemme” e afferma che Israele ha adottato “leggi e misure discriminatorie”.

La risoluzione chiede inoltre alla Corte di esprimersi sul conflitto in conformità con il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite. La Corte, organo delle Nazioni Unite, è separata dalla Corte penale internazionale, che ha sede all’Aia.

L’ultima volta che la Corte Internazionale di Giustizia ha emesso un parere consultivo sul conflitto è stato nel 2004.

Tra i Paesi che hanno votato contro la risoluzione figurano Israele, Australia, Austria, Canada, Repubblica Ceca, Italia, Germania, diverse nazioni insulari del Pacifico e gli Stati Uniti.

Oltre all’Ucraina, hanno votato a favore Bahrain, Egitto, Giordania, Russia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

L’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Gilad Erdan ha criticato la misura durante l’audizione in commissione, definendola parte di una “lunga serie di risoluzioni anti-Israele”.

“L’unico scopo è quello di demonizzare Israele ed esentare i palestinesi dalle responsabilità”, ha detto Erdan, aggiungendo che la risoluzione sta “distruggendo ogni speranza di risoluzione”.

La risoluzione dà ai palestinesi “la scusa perfetta per continuare a boicottare il tavolo dei negoziati”, ha detto Erdan, sottolineando il rifiuto dei palestinesi delle precedenti offerte di pace.

Ha anche criticato la risoluzione per aver fatto riferimento al Monte del Tempio di Gerusalemme solo con il suo nome arabo, Haram al-Sharif. La risoluzione si riferisce anche al Monte del Tempio come parte dei “Territori palestinesi occupati, inclusa Gerusalemme Est”.

Il Monte del Tempio è il luogo più sacro per gli ebrei, in quanto sede degli antichi templi, e il terzo sito più sacro dell’Islam, in quanto sede della Moschea di Al-Aqsa.

“La libertà di culto è un valore che si rifiutano di sostenere”, ha dichiarato Erdan, accusando le Nazioni Unite di diffondere “falsità distruttive che non faranno altro che perpetuare il conflitto israelo-palestinese”.

La delegazione palestinese alle Nazioni Unite ha dichiarato in risposta alla risoluzione: “Il nostro popolo merita la libertà. Il nostro popolo ha diritto alla libertà”.

Il rappresentante degli Stati Uniti presso la commissione, Richard Mills, ha espresso “serie preoccupazioni” sulla risoluzione, affermando che essa “ingigantirebbe la sfiducia” intorno al conflitto.

“Non ci sono scorciatoie per una soluzione a due Stati”, ha dichiarato, aggiungendo che la frase sul Monte del Tempio è “intesa a denigrare Israele”.