Si impenna la tensione tra Pakistan e Afghanistan

Islamabad, Rights Reporter – L’Afghanistan ha chiuso il suo principale valico di frontiera con il Pakistan, in un momento in cui i legami tra i Talebani afghani, ex alleati, e Islamabad si sono inaspriti.

L’amministrazione talebana ha dichiarato di aver ordinato la chiusura del confine perché il Pakistan ha disatteso gli impegni assunti per facilitare la circolazione lungo il principale valico di frontiera tra i due Paesi, a Torkham.

“Gli impegni riguardavano la facilitazione del transito e i visti per i pazienti”, ha dichiarato lunedì all’EFE il portavoce del governo provinciale Quraishi Badloon.

Il punto di confine critico è la più grande struttura di attraversamento tra i due Paesi e fornisce il principale accesso stradale all’Afghanistan, privo di sbocchi sul mare, e al porto di Karachi, nel sud.

Secondo i dati ufficiali, il 65% dei viaggiatori provenienti dai due Paesi attraversa il punto di confine che collega la provincia afghana di Nangarhar con quella pakistana di Khyber Pakhtunkhwa.

Il punto di confine si trova nella città pakistana di Torkham, lungo la Grand Trunk Road, al confine internazionale.

I due vicini sono accomunati da decenni di dispute di confine.

L’Afghanistan non accetta che il confine tra i due Paesi sia un confine internazionale e lo chiama Linea Durand.

Il Pakistan considera il confine lungo 2.640 km come un confine internazionale e ha eretto un filo spinato lungo di esso.

In passato, si sono verificati alcuni incidenti in cui i combattenti talebani hanno sradicato alcune parti del filo.

Dopo che i Talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan nell’agosto 2021, si sperava che il Pakistan potesse avere relazioni migliori con Kabul rispetto ai governi precedenti.

Il Pakistan ha anche chiesto al governo talebano de facto di agire contro i militanti talebani pakistani che, a loro dire, si nascondono in Afghanistan.

Tuttavia, da quando sono saliti al potere, i Talebani afghani non hanno intrapreso alcuna azione di questo tipo, svolgendo piuttosto il ruolo di mediatori tra il governo pakistano e i Talebani.

Il Pakistan ha assistito a un’impennata della violenza degli insorti da quando il regime islamista ha preso il potere a Kabul.

Nelle travagliate province pakistane del Balochistan e del Khyber Pakhtunkhwa (KPK), confinanti con l’Afghanistan, si sono verificati molti attacchi violenti, attribuiti ai separatisti baloch vietati e al fuorilegge Tehreek-e-Taliban Pakistan, o Talebani pakistani.

I Talebani pakistani non sono direttamente collegati ai Talebani afghani, ma i due movimenti islamisti condividono le loro ideologie.

Il TTP è un gruppo ombrello di diverse organizzazioni armate costituitosi nel 2007 per stabilire uno Stato islamico in Pakistan.

Dalla sua nascita, il gruppo ha condotto una brutale campagna di attacchi in tutto il Paese, uccidendo migliaia di persone. EFE